RSS - Servizio Feed di www.NaturaOccitana.it Stampa Versione stampabile della pagina visualizzata. Segnala Invia questa pagina presso un indirizzo email.  

Meridiane Dronero
GRUPPO STORICO E INAUGURAZIONE MERIDIANE DEI CAPPUCCINI

GRUPPO STORICO E INAUGURAZIONE MERIDIANE DEI CAPPUCCINI
Sabato 20 novembre 2010 a Dronero

Gruupo storico sabaudo a Dronero


Cosa ci faceva una forza armata del XVIII secolo sotto le insegne del Re di Sardegna per le vie di Dronero?
A primo avviso sembrerebbe strano, ma celebrava l'inaugurazione restauro del complesso gnomonico del convento dei Cappuccini di Dronero.
In realtà bisogna sapere che le meridiane non misurano soltanto le ore e i mesi, ma sono anche le testimoni silenziose del tempo e della storia.
Dei 6 strumenti che si trovano nella chiesa dei Cappuccini di Dronero, uno risale al 1629, ossia fra i più antichi presenti in Piemonte: ecco che in quel periodo poteva succedere che truppe del regno sabaudo si aggirassero per il borgo medievale, proprio come è avvenuto sabato 20 novembre.
Osservare una meridiana significa fermarsi, meditare, guardare il tempo che passa: ma non soltanto quello che trascorre in quell'istante, poichè è possibile fare anche un viaggio nel passato.
Dei 15.000 quadranti solari presenti in Italia, 6.000 sono nel territorio del Piemonte e 2.600 in provincia di Cuneo. Si tratta dunque di un'area a forte tradizione gnomonica, con meticolosi esperti di astronomia e trigonometria che conoscevano i segreti per rappresentare il tempo.
In Valle Maira, da Busca ad Acceglio, si trovano oltre 160 quadranti solari, spesso disegnati sui muri delle chiese, ma anche sulle case o in luoghi visibili da lontano, vicino a un orto o alla campagna. Esempi notevoli di meridiane si possono trovare a Marmora, Pagliero, Cartignano, San Damiano, Paglieres, Acceglio, Montemale, Villar San Costanzo, Busca...
Seguendo i simboli nelle firme e le tecniche delle meridiane spesso si riesce a seguire il vagabondare per la provincia di ignoti autori di un tempo lontano; anche la tipologia degli strumenti ci racconta eventi di storia: dalle originarie ore italiche, che indicavano quante ore mancavano al tramonto e dunque le più pratiche per le attività all'aperto; alle ore francesi, già presenti in zona ben prima dell'obbligo imposto da Napoleone; alle ore tarate sul meridiano del Monte Mario di Roma, testimoni della convenzione utilizzata in seguito all'Unità d'Italia (notevole esempio a Busca); fino alle meridiane attuali,che misurano l'ora del fuso locale internazionale.
Brandelli di una storia che spesso stanno sbiadendo sui muri come fantasmi che si aggrappano al tempo che passa lento, e che fortunatamente qualcuno cerca di salvare: i restauri sono stati realizzati da Solaria Opere di Fabio Garnero (la stessa che ha riportato in vita le meridiane di Bellino in Valle Varaita), il tutto è avvenuto sotto l’egida dell’Associazione Culturale Escarton e la supervisione del Dott. Massimiliano Caldera della Sovrintendenza Beni Artistici Storici e Etnoantropologici del Piemonte.

(Foto e testi Enrico Collo)

Gruupo storico sabaudo a Dronero

Gruupo storico sabaudo a Dronero


Gruupo storico sabaudo a Dronero

Gruupo storico sabaudo a Dronero

Gruupo storico sabaudo a Dronero

Gruupo storico sabaudo a Dronero


Fabio Garnero di Solaria Opere

 
La canzone di Dronero Dronero Sentiero don Mattio Angoli insoliti Meridiane Dronero DragonBike
Mountainbike Fuochi artificiali Dronero nel verde Prima Guerra Mondiale Valigeria Mattalia OfficinaAcchiardo
OtticaFocus
Meridiane Dronero - creata (21/11/2010) - modificata (22/11/2010) - vista 11469
Tutti i contenuti del sito sono di proprietà di NaturaOccitana, e non possono essere riprodotti senza esplicita autorizzazione.

NaturaOccitana di Enrico Collo, Via Copetta 16 - 12025 Dronero (CN), P.I. 02841370048
Accompagnamenti e consulenze naturalistiche - info@naturaoccitana.it