RSS - Servizio Feed di www.NaturaOccitana.it Stampa Versione stampabile della pagina visualizzata. Segnala Invia questa pagina presso un indirizzo email.  

Allium
Allium narcissiflorum

LILIACEE

Allium narcissiflorum Vill.
(=Allium pedemontanum
W.)


Allium narcissiflorum

Foto Enrico Collo

Famiglia LILIACEE
Nome comune Aglio piemontese
Habitat rupi e macereti
Quota da 2300 a 2600 m
Fioritura luglio-agosto
Longevità perenne

Allium narcissiflorum

Classe: DICOTILEDONI
Famiglia: LILIACEE

Allium narcissiflorum

Genere: Allium
All'aglio si associa subito il sapore acre e pungente che impregna l'alito quando lo si mangia crudo: il nome deriva dal celtico all che significa acre, bruciante . Il forte odore è dovuto ad una sostanza organica che contiene zolfo, l'allicina.
Nell'antichità l'aglio era dedicato alle divinità degli inferi, come Osiride per gli Egizi, e veniva offerto alla luna calante, la dea Ecate per i Greci, patrona della notte e delle arti magiche.
Nella tradizione alpina l’aglio ha il potere di tenere lontane le masche del bosco; proprio per difendersi dalle streghe si usava portarlo indosso nella notte di San Giovanni, al solstizio d’estate, con la forte simbologia magica dovuta alla congiunzione superiore del Sole con la Luna nuova. Insieme all’aglio si consigliava di portare con sè ruta, iperico e artemisia.
Con l’aglio si curano le malattie nervose e gli attacchi epilettici (da qui l’associazione con le streghe); ha azione antisettica; è antidiabetico, diuretico ed espettorante.

Specie: Allium narcissiflorum
Nome comune: Aglio piemontese
Diffuso sulle pietraie calcaree assolate, si riconosce dai ciuffi erbacei formati dalle foglie lunghe e strette, col sapore caratteristico di aglio, e dai fiori riuniti in ciuffi ad ombrello su ogni singolo stelo. La caratteristica dei fiori, dal colore violetto intenso come il narciso, è di aprirsi penduli verso il basso, e di sollevarsi via via durante la fioritura fra luglio e agosto.
Zona riconosciuta: a nord di Macra, in prossimità della Strada dei Cannoni, sulle pietraie calcaree tra Grange Piano e l’Agnelliera.

Vedi anche:

Funghiitaliani.it - Descrizione e immagini

Naturamediterraneo - Immagini e distribuzione

Una delle 36 specie presenti in Rarità botaniche in Valle Maira,
con descrizione dei fiori, degli habitat e localizzazione
della loro presenza in valle.


 
Rarità Achillea Allium Berardia Brassica Bulbocodium Campanula Cerinthe Cyclamen Dianthus Eryngium Euphorbia
Gentiana Limodorum Linaria Primula Pulsatilla Teucrium Veronica Viola Foliage in Valle Maira
Allium - creata (04/04/2005) - modificata (09/01/2016) - vista 12421
Tutti i contenuti del sito sono di proprietà di NaturaOccitana, e non possono essere riprodotti senza esplicita autorizzazione.

NaturaOccitana di Enrico Collo, Via Copetta 16 - 12025 Dronero (CN), P.I. 02841370048
Accompagnamenti e consulenze naturalistiche - info@naturaoccitana.it