RSS - Servizio Feed di www.NaturaOccitana.it Stampa Versione stampabile della pagina visualizzata. Segnala Invia questa pagina presso un indirizzo email.  

Meridiane Dronero
GRUPPO STORICO E INAUGURAZIONE MERIDIANE DEI CAPPUCCINI

GRUPPO STORICO E INAUGURAZIONE MERIDIANE DEI CAPPUCCINI
Sabato 20 novembre 2010 a Dronero

Gruupo storico sabaudo a Dronero


Cosa ci faceva una forza armata del XVIII secolo sotto le insegne del Re di Sardegna per le vie di Dronero?
A primo avviso sembrerebbe strano, ma celebrava l'inaugurazione restauro del complesso gnomonico del convento dei Cappuccini di Dronero.
In realtà bisogna sapere che le meridiane non misurano soltanto le ore e i mesi, ma sono anche le testimoni silenziose del tempo e della storia.
Dei 6 strumenti che si trovano nella chiesa dei Cappuccini di Dronero, uno risale al 1629, ossia fra i più antichi presenti in Piemonte: ecco che in quel periodo poteva succedere che truppe del regno sabaudo si aggirassero per il borgo medievale, proprio come è avvenuto sabato 20 novembre.
Osservare una meridiana significa fermarsi, meditare, guardare il tempo che passa: ma non soltanto quello che trascorre in quell'istante, poichè è possibile fare anche un viaggio nel passato.
Dei 15.000 quadranti solari presenti in Italia, 6.000 sono nel territorio del Piemonte e 2.600 in provincia di Cuneo. Si tratta dunque di un'area a forte tradizione gnomonica, con meticolosi esperti di astronomia e trigonometria che conoscevano i segreti per rappresentare il tempo.
In Valle Maira, da Busca ad Acceglio, si trovano oltre 160 quadranti solari, spesso disegnati sui muri delle chiese, ma anche sulle case o in luoghi visibili da lontano, vicino a un orto o alla campagna. Esempi notevoli di meridiane si possono trovare a Marmora, Pagliero, Cartignano, San Damiano, Paglieres, Acceglio, Montemale, Villar San Costanzo, Busca...
Seguendo i simboli nelle firme e le tecniche delle meridiane spesso si riesce a seguire il vagabondare per la provincia di ignoti autori di un tempo lontano; anche la tipologia degli strumenti ci racconta eventi di storia: dalle originarie ore italiche, che indicavano quante ore mancavano al tramonto e dunque le più pratiche per le attività all'aperto; alle ore francesi, già presenti in zona ben prima dell'obbligo imposto da Napoleone; alle ore tarate sul meridiano del Monte Mario di Roma, testimoni della convenzione utilizzata in seguito all'Unità d'Italia (notevole esempio a Busca); fino alle meridiane attuali,che misurano l'ora del fuso locale internazionale.
Brandelli di una storia che spesso stanno sbiadendo sui muri come fantasmi che si aggrappano al tempo che passa lento, e che fortunatamente qualcuno cerca di salvare: i restauri sono stati realizzati da Solaria Opere di Fabio Garnero (la stessa che ha riportato in vita le meridiane di Bellino in Valle Varaita), il tutto è avvenuto sotto l’egida dell’Associazione Culturale Escarton e la supervisione del Dott. Massimiliano Caldera della Sovrintendenza Beni Artistici Storici e Etnoantropologici del Piemonte.

(Foto e testi Enrico Collo)

Gruupo storico sabaudo a Dronero

Gruupo storico sabaudo a Dronero


Gruupo storico sabaudo a Dronero

Gruupo storico sabaudo a Dronero

Gruupo storico sabaudo a Dronero

Gruupo storico sabaudo a Dronero


Fabio Garnero di Solaria Opere

 
Valigeria Mattalia Dronero Angoli insoliti Meridiane Dronero DragonBike Mountainbike Fuochi artificiali
Dronero nel verde OfficinaAcchiardo Prima Guerra Mondiale OtticaFocus
Meridiane Dronero - creata (21/11/2010) - modificata (22/11/2010) - vista 8297
Tutti i contenuti del sito sono di proprietà di NaturaOccitana, e non possono essere riprodotti senza esplicita autorizzazione.

NaturaOccitana di Enrico Collo, Via Copetta 16 - 12025 Dronero (CN), P.I. 02841370048
Accompagnamenti e consulenze naturalistiche - info@naturaoccitana.it